Rassegna stampa 04.03.11

CONSUMI ENERGETICI, LA PROVINCIA CHIAMA I SINDACI

Il Messaggero FR, 04.03.11 p.39 – di Gia.Piz.

CONSUMI ENERGETICI, LA PROVINCIA CHIAMA I SINDACI

Il Messaggero FR, 04.03.11 p.39 – di Gia.Piz.

Illustrare le azioni da compiere per aderire al “Patto dei Sindaci” per il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile entro un anno dalla formale ratifica del Patto. Se ne discuterà oggi alle 15 in Provincia. Il seminario organizzato dall’Assessorato all’Ambiente della Provincia di Frosinone, con il coordinamento scientifico di SIPE e degli ingegneri Emiliano Gabriele e Angela Viscogliosi, dà l’avvio al ciclo di convegni e seminari sul Patto dei Sindaci per l’anno 2011. Il consumo di energia nelle città è in costante aumento; a livello europeo è responsabile di oltre il 50% delle emissioni di gas serra. L’obiettivo della riduzione delle emissioni di gas e degli inquinanti atmosferici deve essere perseguito anche attraverso interventi a livello locale, oltre che nazionale e internazionale. Non a caso la Commissione Europea ha lanciato ”il Patto dei Sindaci”: un’iniziativa mirata a coinvolgere le città nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale. Questa iniziativa, impegna le città europee a predisporre «I piani d’Azione sono finalizzati – sostiene l’assessore all’Ambiente Fabio De Angelis – a ridurre di oltre il 20% le emissioni di gas serra attraverso politiche locali che migliorino l’efficienza energetica, aumentino il ricorso alle fonti di energia rinnovabile e promuovano l’uso razionale dell’energia».

 

FROSINONE. SVILUPPO SOSTENIBILE, LA SFIDA DI OGGI E DOMANI

La Provincia FR, 04.03.11, p. 10

‘Il Patto dei sindaci per lo sviluppo sostenibile della provincia di Frosinone'. Questo il titolo per il convegno in programma oggi pomeriggio a partire dalle 15 in Provincia.

Un appuntamento organizzato dal Sipe, lo studio di ingegneria per l'efficienza energetica in edilizia, e voluto nell'ambito dell'attuazione nazionale della campagna Sustainable Energy Europe, tanto è vero che gode anche del patrocinio del Ministero dell'ambiente.

Il patto dei sindaci è fondamentale e l'appuntamento di questo pomeriggio – sostenuto fortemente dall'assessorato provinciale all'ambiente, che sta mettendo in atto una serie di politiche in materia di sviluppo sostenibile – dà proprio l'avvio al ciclo di convegni e seminari sul Patto dei sindaci per l'anno 2011.

Con l'adesione al Patto dei sindaci oltre duemila città in tutta Europa hanno confermato il proprio impegno nel perseguire gli ambiziosi obiettivi fissati dall'Unione Europea.

«La sfida – come sottolineato dagli organizzatori dell'appuntamento odierno – è senz'altro quella di innescare un processo virtuoso e sinergico che veda convergere tra loro gli obiettivi vincolanti assunti dai paesi membri dell'UE con quelli volontari assunti dai Governi locali».

Sono però ancora molti i comuni e le città italiane da coinvolgere nel Patto, soprattutto nel centro-sud del Paese. Il convegno di oggi va allora in questa direzione. Quella cioè della promozione di questa iniziativa.

Particolarmente interessante il programma stilato e che vedrà l'apertura dei lavori affidata ad Angela Viscogliosi, dello studio Sipe. Seguiranno gli interventi di Antonello Pezzini, rappresentante di Confindustria e consigliere del Comitato economico e sociale europeo, che relazionerà sul ruolo delle amministrazioni pubbliche e sugli interventi dell'Ue per sviluppare un'economia a bassa emissione di carbonio; di Antonio Lumicisi (nella foto), coordinatore della campagna See in Italia e che parlerà del Patto dei sindaci in Italia e in Europa; di Aldo Blandino, responsabile dell'Area ambiente del Comune di Avigliana, che relazionerà sul Piano di azione per l'energia sostenibile nella sua città (evidentemente esempio perfetto, o quasi, di sviluppo sostenibile) e di Alessandro Pascucci, di Esco Italia, che dirà del ruolo delle Esco nel meccanismo di finanziamento al pubblico e al privato.

Interverranno al seminario Maurizio Iacovissi, del gruppo Intesa San Paolo; il sindaco di Castrocielo Laura Materiale; l'assessore provinciale all'ambiente Fabio de Angelis; il presidente di Unindustria Frosinone Marcello Pigliacelli ed il presidente della Provincia Antonello Iannarilli.

Chiusura dei lavori affidata ad Emiliano Gabriele, dello studio Sipe.

 

SERRONE. PORTA A PORTA, TUTTO OK

La Provincia FR, 04.03.11, p. 23, di Angelica Stramazzi

Raccolta differenziata porta a porta, l'amministrazione comunale di Serrone incassa un grande successo e ringrazia vivamente tutta la cittadinanza che, a partire dallo scorso 22 febbraio, sta rispondendo molto bene ad una modalità di selezione e di recupero dei rifiuti urbani senza dubbio amica dell'ambiente e della natura. A sottolineare l'importanza dei risultati appena raggiunti l'Assessore all'ambiente Gabriele Lolli che, ricordando «la grande azione di informazione e sensibilizzazione operata dal Comune presso le scuole, gli esercizi commerciali ed il centro anziani», non nasconde che «c'è ancora molto da fare» per far sì che in aprile l'intero territorio del paese arrivi ad effettuare la raccolta porta a porta.

Un sentito ringraziamento va all'assessore provinciale all'Ambiente Fabio De Angelis che, secondo lo stesso Lolli, «ha lavorato con impegno per abbattere il conferimento in discarica dei rifiuti e per incentivare la differenziata»; impegno e dedizione lodati anche dal Sindaco Maurizio Proietto che ha ricordato «la volontà da parte del Comune di essere all'avanguardia nel settore ambientale».

Proprio per questo, la Provincia di Frosinone ha deciso di essere al fianco di tutti quei centri che, stanchi di affidarsi ad un sistema ormai vecchio di gestione dei rifiuti, hanno finalmente optato per il metodo del porta a porta. E, dopo San Quirico, il porta a porta sarà applicato, a partire dal prossimo martedì 8 marzo, anche a La Forma su un ampio tratto di territorio che arriverà fino a via Meraco. Appuntamento quindi a lunedì 7 marzo alle ore 18 per un incontro informativo che si terrà presso i locali del centro anziani di La Forma.

 

ANAGNI. POLITICA AMBIENTALE ASSENTE: IL PD ACCUSA

Il Messaggero FR, 04.03.11 p.42 – di Paolo Carnevale

Anniversario importante, quello segnalato dal gruppo degli Amici di Beppe Grillo di Anagni. I “grillini” della città dei papi infatti nel loro sito hanno messo on line , 10 anni dopo la sua pubblicazione, il famoso rapporto Merli. Ovvero, lo studio commissionato a suo tempo dalla giunta di centro sinistra capitanata da Bruno Cicconi, e redatto al termine di una lunga indagine sul campo dal Centro Interuniversitario di tecnologia dell’ambiente della Sapienza di Roma e dell’Università degli studi dell’Aquila. Una situazione che negli anni è “decisamente peggiorata”, hanno detto ieri alcuni ambientalisti della città. Basti penare solo alle emergenze che negli ultimi mesi hanno attanagliato la città. Emergenze che in molti considerano la naturale conseguenza di quello stato di cose. Per ovviare al quale , forse, una seria politica di difesa ambientale non è stata in pratica mai avviata. Questa almeno è l’accusa fatta ieri dal capogruppo del Pd al comune di Anagni Egidio Proietti: “ricordo bene lo studio Merli, anche perché molti nell’allora giunta Cicconi collaborarono alla realizzazione del rapporto. Si vedeva già allora che la situazione era molto seria. Ma le giunte che si sono succedute da allora in poi hanno scelto di mettere quella relazione in un cassetto. Le conseguenze sono davanti agli occhi di tutti”.