Home

Buone Letture



 Il futuro Bruciato
Così ci uccidono

La casta dell'acqua
 

Learn to See Like an Artist How level is https://www.levitradosageus24.com/ buy online securely brand viagra a line?

Acqua

Contaminazione pozzi Colleferro: HCH, una storia infinita

Comunicato Stampa Rete per la Tutela della Valle del Sacco e Unione Giovani Indipendenti

Contaminazione pozzi Colleferro: HCH, una storia infinita.

Siamo alle solite, ma questa volta riteniamo la situazione ancor più inaccettabile. Si è verificata, infatti, l’ennesima contaminazione di alcuni pozzi, ora chiusi, a servizio dei due acquedotti di Colleferro gestiti da GDF Suez Retegas e Consorzio Servizi Acqua Potabile (CSAP) .

Dalle analisi effettuate dalla Arpa Lazio nel mese di dicembre e pervenute alla Asl RMG  il 24 Gennaio si è riscontrata la presenza di isomeri dell’esaclorociclesano nell’acqua proveniente dal pozzo n. 6 a servizio idrico di Colleferro e dal pozzo “Stendaggi” a servizio del distretto industriale. Ulteriore contaminazione è stata rilevata con prelievo in una fontanella pubblica alimentata dal pozzo denominato “Sacco2” gestito da CSAP: si è riscontrata  la presenza di ferro e manganese quasi il doppio dei limiti di legge.  Per quanto riguarda l’esaclorocicloesano e l’ormai famoso isomero Beta, come la maggioranza delle popolazione di Colleferro  e della Valle del Sacco ricorderà, si tratta della sostanza oggetto di scandalo che dal 2005 si è scoperto essere presente nell’organismo di persone e animali. Ricordiamo che tale molecola è un derivato del lindano, conosciuto per le sue proprietà insetticide e altamente tossico per gli esseri viventi. Il nostro organismo accumula questa sostanza nelle parti grasse e nel sangue e non è in grado di degradarlo, se non con l’allattamento. Nel tempo questa sostanza si immagazzina nei tessuti adiposi e può provocare patologie.

 

Colleferro e l’ABC dell’acqua

Comunicato Stampa Rete per la Tutela della Valle del Sacco
 
Colleferro e l’ABC dell’acqua
  
L’ABC dell’acqua.
·        Qual è la composizione dell’acqua che beviamo e da dove arriva?
·        Quanta se ne perde a causa di infrastrutture “colabrodo”?
·        Con quali logiche è gestita?
·        Quanto costa a noi e alla collettività la gestione del servizio idrico e quali sono i guadagni del gestore?
 

Acqua a Colleferro: si trovano soluzioni ma restano problemi irrisolti

Comunicato Stampa Rete per la Tutela della Valle del Sacco

Acqua a Colleferro: si trovano soluzioni ma restano problemi irrisolti
 
Mentre molte famiglie colleferrine trascorrevano il Natale sterilizzando l'acqua anche per lavarsi le mani,  un consigliere di maggioranza candidamente confessava ad una emittente televisiva locale che per il problema causato dal famigerato pozzo n. 7 erano stati spesi tanti soldi inutilmente.
Infatti il guasto che ha prodotto la contaminazione di gran parte dell'acquedotto comunale gestito da Italcogim  è causato da una rottura proprio allo stesso pozzo che aveva dato i medesimi problemi per tutto il mese di ottobre 2009. 

Colleferro e l’acqua: nuova interdizione all’uso

Comunicato Stampa
Colleferro e l’acqua: nuova interdizione all’uso
 
Ennesimo, insopportabile inquinamento batteriologico all'interno dell'acquedotto comunale gestito da Italcogim. Si salva solo una piccola porzione, da via del Castello vecchio fino al IV Km e la zona dello Scalo, i piani artigianali - Casilina.
L'ordinanza di divieto dell'uso dell'acqua è consultabile sul sito del Comune, con buona pace delle molte persone che non sono abituate ad accedervi quotidianamente o non ne hanno la possibilità.
E' mai possibile che, per un fatto così grave e di importanza enorme per la salute delle persone, non si pensi a far circolare per la città una macchina con altoparlante, in attesa che si stampino i manifesti? Sembra un copione già visto, che ci passa avanti agli occhi da almeno tre anni.

Comunicato Stampa Retuvasa - Servizio Idrico Colleferro


Comunicato Stampa Rete per la Tutela della Valle del Sacco
 
Servizio idrico Colleferro: risposte poco trasparenti dall’amministrazione.

 
Per lungo tempo Retuvasa ha sottoposto agli amministratori di Colleferro alcune domande sul servizio idrico gestito da G6ReteGas (ex Italcogim), senza mai ottenerne risposta e di cui ripetiamo in sintesi i punti essenziali.
 
1-     Come si giustifica il rilevante aumento delle tariffe, senza autorizzazione alcuna da parte del Comune di Colleferro?
2-     Quali investimenti sono stati effettivamente realizzati dal concessionario  del servizio?
 
Nell’ultima seduta del consiglio comunale le risposte formalmente ci sono state, ma nel migliore dei casi non significano nulla, nel peggiore rafforzano  i nostri dubbi e timori.
 
Doveroso ringraziare il consigliere Pierluigi Sanna, che ha condiviso e dato voce in consiglio comunale alle nostre richieste.
 
Il quadro che si prospetta si può sintetizzare in pochi concetti.
 

VIDEOTECA VALLE DEL SACCO

Community

                                                 
                                   

         

 

Osservatorio PM10

Emissioni Valle del Sacco

Retuvasa on the web