Home

Buone Letture



 Il futuro Bruciato
Così ci uccidono

La casta dell'acqua
 

Learn to See Like an Artist How level is https://www.levitradosageus24.com/ buy online securely brand viagra a line?

Rassegna stampa 24-25.02.12

Versione stampabileInvia a un amicoVersione PDFIl Messaggero Fr 25.02.12 p.38, di Annalisa Maggi
«No» all’ipotesi di un impianto di Trattamento Meccanico Biologico a Castellaccio (Paliano) e «no» al trattamento dei rifiuti di Roma in provincia di Frosinone. Li hanno pronunciati ieri pomeriggio, a Paliano, i partiti, i movimenti e le associazioni che hanno aderito alla manifestazione organizzata dal nascente comitato, su iniziativa del centrosinistra palianese e di alcune associazioni ambientaliste della Valle del Sacco, per alzare la voce contro il nuovo piano dei rifiuti approvato in consiglio regionale lo scorso 18 gennaio. All’assemblea, insieme a numerosi cittadini giunti anche dai comuni limitrofi, ha partecipato il gotha del Pd e di Sel locale e provinciale oltre a diversi esponenti istituzionali tra i quali i consiglieri regionali Francesco Scalia e Filiberto Zaratti, il consigliere provinciale Mario Felli e diversi sindaci della zona. Tutti gli interventi, coordinati dal consigliere comunale di Paliano, Domenico Alfieri, hanno puntato il dito contro il piano regionale dei rifiuti elaborato dalla Giunta Polverini. «Un piano indegno e pericoloso per i nostri territori - ha sottolineato in apertura Valentina Adiutori componente del direttivo Sel di Paliano - che invece di puntare sulla raccolta differenziata prosegue la politica degli inceneritori e delle discariche. Roma non è in grado di smaltire i suoi rifiuti, Paliano e Anagni vengono inseriti nell’ambito territoriale ottimale della Provincia di Roma e contemporaneamente si concretizza la nascita di un nuovo impianto di trattamento meccanico biologico a Castellaccio a completo servizio della capitale». La Adiutori ha fatto notare la scelta schizofrenica del governo regionale che, «da una parte investe milioni per acquistare lotti de La Selva di Paliano e, dall’altra, non fa niente per chiudere la vicina discarica di Colle Fagiolara e appesantisce la già martoriata Valle del Sacco prevedendo un possibile nuovo impianto a Castellaccio, nel territorio comunale di Paliano, lungo la Casilina».

Ecco la notizia quotidiana 25.02.12

VIDEOTECA VALLE DEL SACCO

Community

                                                 
                                   

         

 

Osservatorio PM10

Emissioni Valle del Sacco

Retuvasa on the web