Home

Buone Letture



 Il futuro Bruciato
Così ci uccidono

La casta dell'acqua
 

Learn to See Like an Artist How level is https://www.levitradosageus24.com/ buy online securely brand viagra a line?

Colleferro, riparte il processo inceneritori: il Tribunale di Roma faccia Giustizia.

Versione stampabileInvia a un amicoVersione PDF

Comunicato Stampa Retuvasa
 
Colleferro, riparte il processo inceneritori: il Tribunale di Roma faccia Giustizia.


Del processo inceneritori a Colleferro se ne erano perse le tracce, dopo la decisione con la quale il Tribunale di Velletri aveva dichiarato nell’udienza di fine marzo 2015, dopo quattro anni tra fase preliminare e dibattimentale, la propria incompetenza territoriale in favore del Tribunale di Roma.

Il 16 luglio dello scorso anno in Prefettura a Frosinone in occasione della nostra audizione presso la Commissione Bicamerale sul traffico illecito di rifiuti e sullo stato delle bonifiche ci erano state chieste notizie del processo e noi avevamo semplicemente ribaltato la richiesta alla Commissione medesima.

In realtà il Tribunale di Roma ha lavorato in quest’anno e con i documenti a disposizione comprese le intercettazioni di allora, ha riattivato il procedimento giudiziario con gli avvisi a comparire per imputati e parti offese all’udienza preliminare che si terrà il 12.10.2016 alle ore 10.00 presso il Tribunale di Roma in Via Golametto n. 4, Aula B.

I reati contestati dalla Direzione distrettuale Antimafia che prevedono il rinvio a giudizio artt. 416, 417 c.p.p., sono per 28 soggetti tra dirigenti e legali rappresentanti legali del 2008 degli due società di gestione degli inceneritori, Mobilservice ed EP Sistemi società dell’ex Consorzio GAIA, i legali rappresentanti di alcune società di certificazione analisi dei rifiuti, di controllo delle emissioni da remoto, di intermediazione, l’allora procuratore di AMA e il responsabile della raccolta multimateriale presso l’impianto AMA di Rocca Cencia.

Assolutamente rilevante l’applicazione dell’art. 416, associazione per delinquere, ai capi di imputazione formulati nei confronti dei dirigenti di allora degli impianti, in relazione ai delitti di traffico illecito di rifiuti, falso in analisi e formulari, reati informatici e di truffa in Colleferro ed altre località dal 2005 al 2008. Da tener presente che alcuni di loro ancora ricoprono cariche chi nel Consorzio GAIA, ancora in Amministrazione Straordinaria, chi nella gestione degli impianti di Colleferro e ci chiediamo quotidianamente se ciò sia possibile, lecito o quanto meno, opportuno!.

Infine è stato anche riammesso come parte offesa il GSE, stralciato nel procedimento precedente, per un danno allo stesso di oltre 40 milioni di euro pari al contributo che l’Ente erogava sotto forma di valorizzazione economica dell’energia prodotta e fornita dagli impianti.

Rileggendo le intercettazioni allegate al procedimento c’è da rabbrividire, non sono passibili di interpretazioni le frasi di alcuni degli imputati, ne delineano ruoli e responsabilità nella gestione criminale degli impianti. Si sono persi cinque anni ma ci auguriamo che il Tribunale di Roma recuperi questo tempo e faccia giungere a conclusione il processo, prima delle eventuali prescrizioni di rito, per restituire giustizia agli abitanti di un territorio fortemente compromesso dal punto di vista ambientale e sanitario.

Potenti interessi puntano a fare profitto ad ogni costo sullo smaltimento dei rifiuti, il quadro descrittivo che emerge dalle inchieste e dal processo ci fornirà dunque informazioni essenziali a fare le scelte necessarie per realizzare un ciclo di gestione dei rifiuti a garanzia della salute delle persone e dell’ambiente, fondato sui principi della riduzione, del riciclo e del riuso.
 
Colleferro, 12.08.2016
 


 

VIDEOTECA VALLE DEL SACCO

Community

                                                 
                                   

         

 

Osservatorio PM10

Emissioni Valle del Sacco

Retuvasa on the web