Home

Buone Letture



 Il futuro Bruciato
Così ci uccidono

La casta dell'acqua
 

Learn to See Like an Artist How level is https://www.levitradosageus24.com/ buy online securely brand viagra a line?

Appello Ministro Galletti su SIN Valle del Sacco

Versione stampabileInvia a un amicoVersione PDF
AVVISO A TUTTI GLI INTERESSATI ‪DELLA VALLEDELSACCO

 


Pubblichiamo il testo dell'APPELLO/LETTERA APERTA
che sarà inviato al Ministro dell'ambiente Gianluca Galletti.

Per sottoscriverlo è necessario inviare una mail al seguente indirizzo:

lavalledelsacco2014@libero.it
 
Inserendo nome,cognome e la dicitura ADERISCO.

Promotori: Antonella D’Emilia, Luca Ascani

 
-----------------------------------------------------
 
 
APPELLO AL MINISTRO dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, On Gianluca Galletti
 
Oggetto: sentenza del Tribunale amministrativo regionale del Lazio depositata il 16/07/2014,  su ricorso numero di registro generale 5277 del 2013 contro Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
 
I sottoscrittori del presente appello
 
RICHIEDONO
 
al Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
 On. Gianluca Galletti
 
di non ricorrere al Consiglio di Stato contro la sentenza del TAR del Lazio di cui all'oggetto,  che ha annullato  il D.M. 11.1.2013 in  riferimento a quanto in esso disposto per il sito del Bacino del  Fiume Sacco (declassamento del SIN). 

La sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio  ha rimesso a fuoco la pericolosità dell’inquinamento del sito del Bacino del Fiume Sacco, e  al riguardo gli scriventi pongono pertanto  all'attenzione del Ministro l'urgenza di far ripartire in seno al  SIN  le procedure dei lavori   di  bonifica,  riferite alle  criticità più importanti ed incisive sulla salute dei cittadini del territorio della Valle.

Fanno presente a tal proposito che, a seguito del declassamento operato dal decreto del gennaio 2013, ogni azione di disinquinamento è stata sospesa, se non per l’ordinarietà, da oltre un anno e mezzo, che  le popolazioni del territorio coinvolto non sono più  monitorate dallo  Studio epidemiologico nazionale dei territori e degli insediamenti esposti a rischio da inquinamento,  SENTIERI,  e che  le popolazioni  della Valle del Sacco  permangono  in una condizione critica di   emergenza ambientale e sanitaria non più accettabile ne procrastinabile.

La piena assunzione di responsabilità dello stato centrale nei confronti dell'azione di bonifica della Valle del Sacco, inoltre,  può e deve essere occasione per la costruzione di una maggiore partecipazione delle istituzioni locali e della popolazione attraverso le proprie reti associative, allo scopo di affrontare con piena consapevolezza l'emergenza ambientale e sociale del territorio.
 
Valle del Sacco, 23 luglio 2014
 
 
 
 
 
 

VIDEOTECA VALLE DEL SACCO

Community

                                                 
                                   

         

 

Osservatorio PM10

Emissioni Valle del Sacco

Retuvasa on the web