Home

Buone Letture



 Il futuro Bruciato
Così ci uccidono

La casta dell'acqua
 

Learn to See Like an Artist How level is https://www.levitradosageus24.com/ buy online securely brand viagra a line?

Guerra

Frosinone contro la guerra

08/04/2011
Europe/Roma

Manifestazioni 2 Aprile: altre importanti adesioni da Frosinone

AIPA Pazienti in trattamento con anticoagulanti, Associazione Politico Culturale 20 ottobre , Ass. Oltre l’Occidente, Blog Aut, Casa dei Diritti Sociali Frosinone, Comitato di Lotta per il Lavoro Frosinone, Confederazione Cobas Frosinone, Godere Operaio, Prc Circolo Spartacus Frosinone, Retuvasa, SEL Sinistra Ecologia Libertà circolo di Frosinone, USB Unione Sindacale Italiana Frosinone
 
Aderiscono alla manifestazione nazionale del 2 aprile a Roma
Promuovono venerdì 8 aprile alle ore 16 un presidio sotto la Prefettura a Frosinone
Danno appuntamento martedì 5 aprile alle ore 17 a tutti coloro interessati a creare un coordinamento stabile e attuare iniziative in merito, presso la Casa del Volontariato, via P.L. da Palestrina

Nasce il coordinamento dei comuni contaminati dagli arsenali segreti

COMUNICATO STAMPA
BASTA CON I VELENI DI STATO

L’ITALIA VITTIMA DELLE ARMI CHIMICHE FA SENTIRE LA SUA VOCE
NASCE IL COORDINAMENTO DEI COMUNI CONTAMINATI DAGLI
ARSENALI SEGRETI

(COLLEFERRO E RETUVASA TRA LE PRIME ADESIONI)
 
Testo unitario del Coordinamento
 
Il conflitto in Libia rilancia l’allarme sullo spettro delle armi chimiche, accumulate da Gheddafi in grande quantità. Ma ci sono molti comuni italiani che da almeno settant’anni sono vittime degli stessi veleni. Dalla Tuscia alla Lombardia, dalle Marche alla Campania, dal Lazio alla Puglia terreni, stabilimenti e discariche sottomarine continuano a ospitare l’eredità del colossale arsenale di armi chimiche creato dal fascismo e nascosto dai governi della Repubblica. Adesso un gruppo di associazioni e comitati ha deciso di riunirsi per chiedere che questa scia di morte venga spezzata, invocando che venga finalmente fatta chiarezza sui rischi di questa bomba sepolta nel mare e nel terreno del nostro paese.

Retuvasa aderisce alla Manifestazione Nazionale del 2 Aprile 2011.

02/04/2011 15:00
02/04/2011 22:00
Europe/Roma
Sabato 2 aprile a Roma, in Piazza San Giovanni, alle 15.00 Ancora una volta i governanti hanno scelto la guerra. Gheddafi ha scelto la guerra contro i propri cittadini e i migranti che attraversano la Libia. E il nostro Paese ha scelto la guerra "contro Gheddafi": ci viene presentata, ancora una volta, come umanitaria, inevitabile, necessaria.

Nessuna guerra può essere umanitaria. La guerra è sempre stata distruzione di pezzi di umanità, uccisione di nostri simili. Ogni "guerra umanitaria" è in realtà un crimine contro l'umanità. Se si vuole difendere i diritti umani, l'unica strada per farlo è che tutte le parti si impegnino a cessare il fuoco, a fermare la guerra, la violenza, la repressione. Nessuna guerra è inevitabile.

Il ruolo delle fabbriche di armamenti di Colleferro nella guerra libica

Comunicato Stampa Retuvasa
Il ruolo delle fabbriche di armamenti di Colleferro nella guerra libica
 
Le fabbriche di armamenti storicamente operanti a Colleferro hanno un ruolo da protagoniste anche nella guerra in corso in Libia?

VIDEOTECA VALLE DEL SACCO

Community

                                                 
                                   

         

 

Osservatorio PM10

Emissioni Valle del Sacco

Retuvasa on the web