Home

Buone Letture



 Il futuro Bruciato
Così ci uccidono

La casta dell'acqua
 

Learn to See Like an Artist How level is https://www.levitradosageus24.com/ buy online securely brand viagra a line?

Guerra

Armi Chimiche - Audizione Commissione Ambiente Senato - 5 giugno 2012


            
              
 

Comunicato Stampa Rete per la Tutela della Valle del Sacco

Le ombre della produzione bellica colleferrina sul nostro passato e sul nostro futuro.
 
        

          Il 5 giugno scorso il Coordinamento Nazionale Bonifica Armi Chimiche (CNBAC) è stato ricevuto in audizione informale presso la Commissione Ambiente del Senato della Repubblica. La finalità consiste nell’avvio di un’indagine conoscitiva sui bacini di inquinamento derivanti dalle armi chimiche disseminate da decenni sul territorio italiano.
 
             Alla riunione erano presenti, tra gli altri, la sen. Daniela Mazzucconi, Vice Presidente della Commissione, il sen. Francesco Monaco e il sen. Francesco Ferrante; il Presidente CNBAC Alessandro Lelli, i Vice Presidenti Fabrizio Giometti e Matteo d’Ingeo, il Segretario Raimondo Chiricozzi; il Vicedirettore de L’Espresso, Gianluca Di Feo, autore del libro Veleni di Stato, che ha evidenziato i problemi legati alla produzione delle armi chimiche in Italia e alla loro nefasta eredità sul territorio. Per Colleferro è stato audito il consigliere CNBAC e presidente della Rete per la Tutela della Valle del Sacco Alberto Valleriani, che ha esposto il report in allegato, opera di un gruppo di lavoro coordinato da Alberto Valleriani e Francesco Bearzi, che è stato protocollato insieme alla documentazione in esso citata. Da tale report emerge un quadro pieno di ombre e di interrogativi, con alcuni significativi e infausti riscontri, non solo relativamente ai traffici d’armi internazionali del passato e - forse - del presente, ma anche alle conseguenze della storica produzione bellica colleferrina sul futuro ambientale del territorio.
 
            Il CNBAC e la Rete per la Tutela della Valle del Sacco si attendono ora, come logica prosecuzione dell’audizione preliminare, che la Commissione ascolti formalmente gli enti preposti al controllo ambientale. Stanno inoltre valutando un coinvolgimento delle istituzioni dell’Unione Europea.

 
Ufficio stampa Retuvasa
 
Colleferro, 09.06.12

Emergency Day 2012 - Sentieri di Pace

Nel monumento naturale della Selva di Paliano e mola di Piscoli
10 giugno 2012 – dalle ore 10,00 a sera
 
Il gruppo Emergency di Colleferro invita all'Emergency-Day – Sentieri di Pace”, seconda edizione.
L’evento si terrà presso il Monumento Naturale della Selva di Paliano e Mola di Piscoli,
il 10 giugno 2012 dalle ore 10 fino a sera.
Il programma è ricco di iniziative, rivolte a grandi e piccini, per poter trascorrere una giornata all’insegna dello sport, della natura e del divertimento.  
Durante l’intera giornata, si svolgeranno mini tornei di calcio con squadre miste a chiusura della stagione agonistica delle società CIVIS Colleferro e ASD Paliano.
La mattina il Mago Parker  stupirà con i suoi trucchi di magia, mentre nel pomeriggio, la letture di fiabe accompagnerà i bambini in un viaggio interculturale. Quest’ultima attività è in  collaborazione con il progetto “Guadi e ponti tra le culture”, realizzato nelle scuole elementari ATS 1° Circolo Didattico Colleferro e 212° di Artena, e vedrà la partecipazione dell’associazione culturale NeosKronos di Colleferro. 
I più grandi potranno seguire Guido Abballe, conoscitore di erbe spontanee commestibili, in una passeggiata lungo i sentieri del Parco, alla scoperta di fiori ed erbe, o cimentarsi nei tornei di carte organizzati in loco.
La giornata si concluderà alle 18, con il concerto dei Metamorfosi in Viola, che ci accompagneranno, con la loro musica, fino al tramonto.
La partecipazione a tutte le iniziative è gratuita e i fondi raccolti nel corso della giornata saranno interamente destinati al Centro Chirurgico e Pediatrico realizzato da Emergency a Goderich in Sierra Leone.

Per info emecolleferro@libero.it – 3356545313.
 

Armi chimiche: riflessioni di Alberto Valleriani

Armi chimiche: riflessioni di Alberto Valleriani
 
Le mie riflessioni  sul Convegno “Armi Chimiche:” un’eredità ancora pericolosa”, in qualità di rappresentante di Retuvasa e membro del Coordinamento Nazionale Bonifica Armi Chimiche (CNBAC), sono quelle di chi ha vissuto quest’ ultimo decennio con pochi amici prima e  l’esperienza associativa dopo, la necessità di riuscire a raccontare e soprattutto a farsi ascoltare quanto Colleferro ha prodotto con la sua industria madre. Un’azienda che dal bellico, passando per il chimico, ha causato, come osammo dire anni fa, la morte dentro e fuori. Sul dentro sappiamo delle contaminazioni diffuse e delle possibili ripercussioni ad orologeria; sul fuori la realtà delle guerre lontane sia nel tempo che nello spazio, che pensiamo non ci riguardino, non sono affar nostro in quanto già compressi dalla quotidianità per occuparci anche di questo.

L’Italia vittima e carnefice delle armi chimiche fa sentire la sua voce.

21/02/2012 09:30
Europe/Roma
Comunicato Stampa
 
L’Italia vittima e carnefice delle armi chimiche fa sentire la sua voce.
 
Invito al Convegno presso il Senato della Repubblica
21 Febbraio 2012 – ore 9,30 – sala ex Hotel Bologna – Via di Santa Chiara, 5
 
Il conflitto in Libia ha contribuito a rilanciare l’allarme su componenti per la fabbricazione di armi chimiche vendute dal nostro paese senza troppi riguardi per i potenziali pericoli per l’umanità. Pare sempre più chiaro che il regime di Gheddafi accumulasse armi chimiche nei suoi arsenali anche grazie al contributo dell’industria bellica italiana.
La produzione e il deposito di arsenali chimici hanno prodotto un pesantissimo impatto ambientale in numerosi Comuni italiani, dalla Tuscia alla Lombardia, dalle Marche alla Campania, dal Lazio alla Puglia. Terreni, stabilimenti e discariche sottomarine ospitano l’eredità del colossale arsenale creato principalmente dal fascismo e poi sottaciuto dai governi della Repubblica.
Da circa un anno, un gruppo di associazioni e comitati ha istituito il Coordinamento Nazionale Bonifica Armi Chimiche, di cui è membro Retuvasa, finalizzato al monitoraggio e alla bonifica dei siti contaminati da ordigni bellici chimici inabissati o interrati durante e dopo il secondo conflitto mondiale. Il C.N.B.A.C., composto da associazioni e comitati operanti nelle zone più colpite in Italia (Lago di Vico, Molfetta, Colleferro, Ischia, Pesaro e Cattolica), invita i cittadini a partecipare al Convegno Armi chimiche: un’eredità ancora pericolosa. Mappatura, monitoraggio e bonifica dei siti inquinati dagli ordigni della seconda guerra mondiale, che si terrà il presso il Senato della Repubblica il 21 Febbraio 2012 – ore 9,30 – sala ex Hotel Bologna – Via di Santa Chiara, 5.

VIDEOTECA VALLE DEL SACCO

Community

                                                 
                                   

         

 

Osservatorio PM10

Emissioni Valle del Sacco

Retuvasa on the web