Home

Buone Letture



 Il futuro Bruciato
Così ci uccidono

La casta dell'acqua
 

Learn to See Like an Artist How level is https://www.levitradosageus24.com/ buy online securely brand viagra a line?

Eventi

BIOCIDIO TOUR, 9 NOVEMBRE A COLLEFERRO


BIOCIDIO TOUR: dal Lazio alla Campania
 
Il 9 Novembre una delegazione internazionale composta da accademici, giornalisti, attivisti e ricercatori sarà a Colleferro per conoscere la storia del nostro territorio, un esempio di ingiustizia ambientale, un Biocidio nel Lazio.
 


L’Associazione A Sud e il Centro di Documentazione sui Conflitti Ambientali organizza il BiocidioTour, nell’ambito della settimana di attività del progetto europeo EJOLT (Environmental Justice Organisations, Lialibities and Trade) che coinvolgerà attivisti ed esperti di conflitti ambientali provenienti dall’America Latina, dall’Africa, dall’India e da vari paesi europei per visitare i territori emblema di ingiustizia ambientale in Lazio e in Campania.La delegazione composta da giuristi, accademici, epidemiologici, economisti e attivisti di tutto il mondo sarà in Italia dal 9 al 15 novembre per conoscere ed entrare in contatto con le organizzazioni sociali che lavorano sui conflitti ambientali dando visibilità alle lotte locali e mirando alla costruzione di strumenti utili alle comunità impegnate a salvaguardare l’ambiente e il diritto alla salute.

Perché un Biocido Tour

Scegliere di installare impianti produttivi, estrattivi o di smaltimento contaminanti su un determinato territorio senza preventivamente valutarne le conseguenze su ambiente e cittadini significa decidere scientemente che quelle comunità sono “sacrificabili” a una malintesa idea di sviluppo.
In Campania è nata un’ampia coalizione popolare per fermare la sistematica violazione del diritto alla salute attraverso l’avvelenamento del territorio e della popolazione, un vero
Biocidio che ha trasformato la Campania felix nella Terra dei Fuochi, un immenso territorio tra Napoli e Caserta devastato da un modello di smaltimento dei rifiuti tra discariche, inceneritori, sversamenti illegali di rifiuti tossici e industriali.
Situazione analoga anche nel Lazio dove si contano numerosi siti contaminati per la presenza di stabilimenti industriali o impianti per lo smaltimento dei rifiuti.

LA VALLE GALERIA E LA VALLE DEL SACCO, BIOCIDIO NEL LAZIO

Il 9 novembre la carovana partirà da Roma e visiterà la Valle Galeria, zona a nord di Roma dove si trova la discarica di Malagrotta, sito di stoccaggio dei rifiuti più grande d’Europa, chiusa alla fine del settembre scorso dopo 17 anni di proroghe.Il sito ha un’estensione superiore ai 240 ettari e riceveva ogni giorno tra le 4500 e le 5000 tonnellate di rifiuti, producendo circa 330 tonnellate di scarti e fanghi all’anno. La zona di Malagrotta, che è soltanto una parte della Valle Galeria, comprende i quartieri di Massimina, Santa Cecilia, Spallette e San Cosimato, e rappresenta probabilmente l’area di Roma in cui si concentra il maggior numero di impianti industriali ad alto impatto ambientale.
La delegazione si sposterà a Colleferro dove le associazioni e i cittadini riuniti nel Coordinamento Valle del Sacco illustreranno la storia e le criticità della zona, spiegando l’ origine dell’inquinamento e i danni ambientali provocati dalla gestione scellerata e irresponsabile del territorio.
Dall’avvelenamento del Fiume Sacco fino all’installazione degli impianti di smaltimento rifiuti, la delegazione visiterà i luoghi simbolo presenti a Colleferro per conoscere dettagliatamente la situazione in cui è costretta a vivere la popolazione.

10 NOVEMBRE NAPOLI E LA TERRA DEI FUOCHI

La carovana conoscerà la drammatica situazione della terra dei fuochi tra la provincia di Napoli e Caserta, una delle zone in Italia in cui le conseguenze dell’esposizione di territori e comunità a agenti inquinanti dovuti prevalentemente alla gestione dei rifiuti sono maggiormente drammatiche.
La delegazione visiterà alcune delle zone caratterizzate dalla presenza di inceneritori, discariche, siti di stoccaggio di ecoballe, sversamenti e smaltimento illegale di rifiuti e incontrerà i comitati locali della zona.
In queste due giornate le personalità internazionali e la stampa avranno l’opportunità di conoscere le conseguenze ambientali, sociali, sanitarie ed economiche della mala gestione del territorio, creando così un momento di divulgazione tra esperti e attivisti locali per trovare soluzioni e percorsi efficaci da intraprendere per non violare il diritto alla salute.

Per maggiori informazioni visitare le pagine.

www.asud.net

http://asud.net/biocidio-tour-nei-luoghi-dellingiustizia-ambientale-tra-lazio-e-campania/

CONVEGNO BRESCIA "PULIAMO L'ITALIA" 14 E 15 OTTOBRE 2013


COMUNICATO STAMPA
RETE PER LA TUTELA DELLA VALLE DEL SACCO

Convegno Brescia 14 e 15 ottobre 2013, SIN e SIR a confronto.

 

Il 14 e 15 ottobre si terrà a Brescia il Convegno “Puliamo l’Italia, dall’archeologia industriale alla rigenerazione dei territori” organizzato dalla Fondazione Micheletti. Due giorni densi con relatori di grande esperienza e l’intento di promuovere strutture di conservazione del patrimonio, archivi e banche dati.
L’auspicio, attraverso uno spazio dedicato al confronto tra realtà associative e comitati territoriali sul suolo nazionale, è di creare una rete di lavoro in particolar modo sui Siti di Interesse Nazionale (SIN) e i Siti di Interesse Regionale (SIR), per affrontare temi come le bonifiche e gli impatti sanitari, la riqualificazione dei territori e lo scambio di conoscenze, al fine di giungere ad una piattaforma condivisa di lavoro che permetta di interagire in modo strutturato con altri gruppi di lavoro nazionali e dare forza al confronto istituzionale.
Questa Rete delle Associazioni e dei Comitati dei Siti inquinati di interesse nazionale e regionale ha preso le mosse da una prima iniziativa promossa il 22 ottobre 2011 a Pescara presso l’Un. Di Chieti-Pescara da Wwf Abruzzo e Medicina democratica, cui è seguito un secondo convegno nazionale organizzato dalla Rete per la Tutela della Valle del Sacco, (Retuvasa) e Gruppo Logos a Colleferro il 23-25 novembre 2012.
Quest’anno saremo a Brescia per descrivere quanto fatto finora e quanto si ha intenzione di fare nella Valle del Sacco, come abbiamo affrontato e come affronteremo le emergenze, come leggiamo il passato e come intendiamo il futuro del nostro territorio, cercando di acquisire conoscenza e contatti utili per il prosieguo delle nostre attività.
 
Valle del Sacco-Brescia, 11 ottobre 2013
 
clicca su Leggi tutto per il programma del Convegno

COMUNICATO STAMPA CONFERENZA INQUINAMENTO E SALUTE DEI BAMBINI


COMUNICATO STAMPA CONFERENZA
“INQUINAMENTO E SALUTE DEI BAMBINI “
 

L’A.MA, Associazione Mamme Colleferro, in collaborazione con Minerva Pelti, Associazione Genitori bambini malati di tumore e la Rete per la Tutela della Valle del Sacco (Retuvasa), invita  alla conferenza “Inquinamento e salute dei bambini. Cosa c’è da fare e cosa c’è da sapere”, che si terrà lunedì 7 ottobre 2013 alle ore 17.00, presso la Sala Moffa del Comune di Colleferro, nei pressi di Piazza Italia.

Interverrà la Dott.ssa Laura Reali, referente dell’Associazione Culturale Pediatri, che illustrerà l’influenza dei pesticidi e degli interferenti endocrini sulla salute dei nostri bambini. A seguire, insieme ad alcuni pediatri del nostro distretto, la Dott.ssa Rosanna Palazzi e il Dott. Andrea Satta, si affronterà l’importante tema della prevenzione e del necessario biomonitoraggio del latte materno come marker biologico. Le Associazioni Minerva Pelti (Rm) e Mamme di Venafro (Is) ci racconteranno la loro esperienza e le pratiche messe in atto a difesa della salute dei bambini nei territori di provenienza.

Confidiamo in un’ampia partecipazione per avere la possibilità di scambiare informazioni sulla prevenzione primaria dell’infanzia in luoghi a significativo impatto ambientale, dove l’aria, l’acqua, la terra risultano essere stati compromessi da un dissennato sviluppo industriale.
 
Per informazioni e contatti: ama.colleferro@libero.it - 3284587538

Colleferro, 2 ottobre 2013

CLICCA QUI per scaricare la locandina
 

Biciclettata: SI al Parco NO al Cemento


BICICLETTATA SI AL PARCO NO AL CEMENTO
sabato 6 luglio 2013 ore 17.30 
 

In attesa dell'esito della conferenza dei servizi sul progetto edilizio presentato dalla ditta “Furlan Giuseppe srl" nell’area del Castello Vecchio, continuiamo tutti insieme a manifestare tutta la nostra contrarietà a questa scelta scellerata. 
Vi aspettiamo sabato 6 luglio alle ore 17.30 a Largo San Francesco (davanti l'ufficio postale di Colleferro) con biciclette, passeggini e quant'altro, per una passeggiata tutti insieme verso il Castello, dove tra una ciambellina e un pezzo di crostata potremmo scambiarci idee e ascoltare la storia di questo antico monumento per capire l'importanza di salvarlo dall'ennesima colata di cemento.


 Pedala con noi
Si al parco NO al cemento

 

                             Comitato Salviamo il Castello

COLLEFERRO, DOCUMENTI INFORMATIVI SPECULAZIONE EDILIZIA


COLLEFERRO, CEMENTIFICAZIONE A NORMA DI LEGGE?
 
La vicenda della cementificazione della collina del castello, la distruzione del museo marconiano e la costruzione di un assurdo e inutile megaparcheggio per TIR sono emblematiche dello scempio che  avviene sempre più spesso nel nostro territorio e in tutta Italia a discapito di bellezze paesaggistiche e di aree verdi. Per tale motivo riteniamo utile mettere a disposizione il materiale informativo preparato in occasione di una delle iniziative contro questi progetti, che ne spiega l'iter, le cifre economiche in ballo, i vantaggi smisurati del privato in barba a vincoli e normative di salvaguardia e la preoccupazione di perdere per sempre degli importanti pezzi della nostra storia, assieme agli ultimi spazi verdi del nostro territorio. 

CLICCA QUI per scaricare i documenti in formato PDF e sfoglia il Numero Zero di Eco della Valle 



 

VIDEOTECA VALLE DEL SACCO

Community

                                                 
                                   

         

 

Osservatorio PM10

Emissioni Valle del Sacco

Retuvasa on the web