Home

Buone Letture



 Il futuro Bruciato
Così ci uccidono

La casta dell'acqua
 

Learn to See Like an Artist How level is https://www.levitradosageus24.com/ buy online securely brand viagra a line?

Acqua

FERTIRRIGAZIONE ACS DOBFAR, VERSO L'EPILOGO


COMUNICATO STAMPA
RETE PER LA TUTELA DELLA VALLE DEL SACCO
CODICI
 
“Salutiamo con favore l’ordinanza del Consiglio di Stato e attendiamo fiduciosi il giudizio di merito del TAR” – così Francesco Bearzi, coordinatore RETUVASA Frosinone e responsabile ambiente CODICI Frosinone.
“Da anni la cittadinanza mormorava l’inosservanza delle stesse prescrizioni dell’autorizzazione in possesso della multinazionale di casa madre italiana relative allo spandimento dei fanghi di depurazione ad uso agronomico (fertirrigazione).

Ricordiamo che:
  • lo scorso 7 agosto, la Provincia di Frosinone, Settore Ambiente, invertendo la rotta delle reiterate proroghe precedenti, anche a seguito delle irregolarità relative all’attività di fertirrigazione in questione riscontrate dagli enti di controllo, ha sospeso la relativa autorizzazione;
  • contro tale provvedimento provinciale, ACS Dobfar è ricorsa al TAR;
  • la Provincia di Frosinone si è costituita in giudizio;
  • con ordinanza cautelare dello scorso 18 ottobre, il TAR, sezione staccata di Latina, ha negato la sospensiva del provvedimento provinciale richiesta da ACS Dobfar;
  • ACS Dobfar è ricorsa in appello al Consiglio di Stato;
  • con ordinanza dello scorso 14 dicembre, la terza sezione del Consiglio di Stato ha respinto l’appello, sulla base degli atti pregressi e «ritenuto che, anche ai fini d’una più sollecita definizione del procedimento di AIA e per i valori ambientali implicati nella vicenda in esame, appare comunque opportuno, nel bilanciamento dei rispettivi interessi e per evitare ogni periculum in mora, che il TAR fissi, con priorità, la trattazione della causa nel merito ed approfondisca in quella sede le questioni di diritto proposte anche in appello».
Considerato che appare inverosimile che il procedimento AIA possa reintegrare l’attività di fertirrigazione richiesta da ACS Dobfar, attendiamo con fiducia il definitivo pronunciamento del TAR, ringraziando per aver potuto dimostrare l’inosservanza delle prescrizioni della defunta autorizzazione la cittadinanza attenta e vigile e gli enti di controllo, in particolare l’Arma dei Carabinieri”.
 
Anagni, 12 gennaio 2013
 

VALLE DEL SACCO, LA CRONACA DEL 2005


La videostoria sull'avvio dell'emergenza Valle del sacco

Il filmato che ripercorre gli eventi del 2005, dal ritrovamento dei capi di bestiame avvelenati da cianuro alle interviste di attivisti, agricoltori, politici.....

ANALISI ACQUA COLLEFERRO


ANALISI ACQUA COLLEFERRO - GESTORE G6 RETEGAS ora ENEL RETEGAS



MAPPA DEI PRELIEVI

 
CLICCA QUI per scaricare le analisi estratte dal sito G6 Retegas ora ENEL Retegas
 

Non Passate per il Camino le Faggete dei Simbruini


Non Passate per il Camino le Faggete dei Simbruini
 
La Giunta Comunale di Trevi nel Lazio, con delibera n. 139 del 05/11/2012, ha approvato lo studio di prefattibilità del progetto “Aniene Green Net” tra i Comuni di Trevi nel Lazio, Jenne, Subiaco, Vallepietra, Arcinazzo Romano e  Piglio. La delibera, approvata da unʼesigua maggioranza, è preliminare a una serie di misure, alcune  condivisibili per la parte riguardante il risparmio energetico, che se messe in campo sino alla fine, porterebbero allʼutilizzo forestale intensivo di buona parte delle risorse dei boschi e demani civici dei comuni sottoscrittori.
 
Il Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, nel quale ricadono quasi tutti i comuni interessati al progetto, sta già subendo, da parte di ACEA, pesanti attacchi alla risorsa idrica delle sorgenti del Pertuso, inoltre si registra la presenza di insediamenti turistici in quota che rilasciano liquami nel sistema  acquifero e si pensa addirittura di costruirne altri,  come  se non  bastasse,  ora  si  vuole  mettere  in  discussione  anche  la  capacità depurativa e di raccolta delle acque piovane delle foreste,  fondamentali sia nel ciclo dellʼacqua per mantenere la risorsa rinnovabile sia per gli habitat naturali, a garanzia della biodiversità del Parco e delle aree contigue.

Quando la volontà collettiva diventa un progetto: come ricostruire un territorio.

23/11/2012 17:00
25/11/2012 12:00
Europe/Roma

 
“Quando la volontà collettiva diventa progetto”
Come ricostruire un territorio
 
Le associazioni Rete per la Tutela della Valle del Sacco e Gruppo Logos chiudono le attività legate al centenario della nascita dell’industria bellica a Colleferro con una serie di proposte, quali ad esempio quella dell'approccio partecipativo, che mirano a fornire utili soluzioni per la riqualificazione e lo sviluppo di territori oggetto di crisi ambientale e occupazionale.
 
“IL CAMBIAMENTO È PRIMA NELLA TESTA DELLE PERSONE”
 
L'esempio della RUHR
 
La regione tedesca della Ruhr ha saputo reinventarsi  da capitale dell’acciaio e del carbone a capitale europea della cultura nel 2010.

VIDEOTECA VALLE DEL SACCO

Community

                                                 
                                   

         

 

Osservatorio PM10

Emissioni Valle del Sacco

Retuvasa on the web