Home

Buone Letture



 Il futuro Bruciato
Così ci uccidono

La casta dell'acqua
 

Learn to See Like an Artist How level is https://www.levitradosageus24.com/ buy online securely brand viagra a line?

Discarica Colle Fagiolara

Scenario Rifiuti Colleferro

 

                                        


Comunicato Stampa Rete per la Tutela della Valle del Sacco e Unione Giovani Indipendenti
Trattamento rifiuti Colleferro: cosa sta succedendo realmente?

                È attesa a breve la pubblicazione del Piano Rifiuti, approvato dal consiglio regionale in data 18 gennaio 2012, sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio. Con ogni probabilità, scatenerà una miriade di eccezioni giuridiche da parte delle varie comunità interessate.
                Anche a Colleferro i soggetti coinvolti nel trattamento dei rifiuti sono da tempo in fermento: allarmati comunicati stampa dell’Amministrazione comunale, interviste al sindaco, blocchi all’ingresso della discarica di Colle Fagiolara, ennesime situazioni di criticità economica del gestore GAIA.
                Gli scenari del ciclo di trattamento dei rifiuti sono ingarbugliati, anche per la pluralità di attori implicati. Anche per noi non risultano di facile interpretazione. Proviamo ad offrire una ricostruzione dei fatti principali e una serie di constatazioni e di interrogativi che crediamo possano essere di interesse pubblico.

Comunicato stampa Retuvasa 12.01.12


Impianto TMB Castellaccio e nuova definizione ATO rifiuti: una vera e propria aggressione al territorio del Frusinate e della Valle del Sacco


“Una vera e propria aggressione – così Alberto Valleriani, presidente della Rete per la Tutela della Valle del Sacco. Nonostante il mantenimento degli ATO provinciali nella revisione del Piano Rifiuti Regionale in corso di approvazione, 
 alla luce dei progetti presentati dai principali attori pubblico-privati del ciclo dei rifiuti, la ridefinizione territoriale degli stessi ATO, già concettualmente, ora concretamente, è volta a riversare sulla Valle del Sacco e sulla Provincia di Frosinone centinaia di migliaia di tonnellate di Rifiuti Solidi Urbani da separare, trasformare in cdr e quindi incenerire. Se, ovviamente, l’impatto effettivo nell’ottica della correttezza - forse meglio dire della scorrettezza - del ciclo dei rifiuti potrà essere valutato solo con la debita e puntuale analisi tecnica dei progetti, già è chiaro dove si pensano di dislocare gli impianti di trattamento rifiuti. Vediamo infatti che il nord del Frusinate, nella Bassa Valle Latina, ingloba nell’ATO di Frosinone cinque Comuni pontini che potrebbero contribuire al funzionamento delle linee di incenerimento di San Vittore (impianto peraltro adeguato tecnicamente al contenimento delle emissioni ed usufruente dei lucrosi ‘certificati verdi’, pagati dalla collettività), ora acquisito da A.R.I.A. (ACEA Risorse e Impianti per l’Ambiente) spa, come da Determinazione B9170 del 01.12.11 della Direzione Regionale Attività Produttive e Rifiuti. Con la Determinazione consecutiva, B9171, stessa data, A.R.I.A. acquisisce l’ex impianto di cdr di Castellaccio, pressoché non operativo da alcuni anni.
 

Asso di Monnezza di e con Ulderico Pesce

Il 3 settembre 2011, presso il piazzale della piscina comunale, V.le Europa, Colleferro, si terrà uno spettacolo teatrale imperdibile inserito nella rassegna "Contemporanea Teatro" a Segni e dintorni dal 26 Agosto al 4 Settembre.

Ulderico Pesce, attore italiano di grande spessore, autore di teatro attivo, impegnato da anni nel sociale ("FiatO sul Collo", "Storie di Scorie", ecc.) porterà in scena il suo spettacolo “Asso di monnezza”, una denuncia alla gestione malata della spazzatura in Italia, in particolare nel Lazio e in Campania.
Si narra dei traffici illeciti dei rifiuti urbani e soprattutto industriali che attanagliano l'Italia, tanto da concludere che il vero asso nella manica è “quello della monnezza”; ovvero, che l'immondizia smaltita illegalmente offre la principale possibilità di arricchimento, soprattutto alla malavita organizzata.
[per maggiori info cliccate qui]

Si inizierà alle ore 17.30, con musica, arte, stand informativi delle associazioni locali; a seguire, cena di sottoscrizione.

Lo spettacolo inizierà alle ore 21.


Per info: 335.65.45.313 - 3809060638

In allegato la scheda tecnica dello spettacolo.
 

Asso di Monnezza di e con Ulderico Pesce

03/09/2011 21:00
Europe/Roma

Il 3 settembre 2011, presso il piazzale della piscina comunale, V.le Europa, Colleferro, si terrà uno spettacolo teatrale imperdibile.

Ulderico Pesce, attore italiano di grande spessore, autore di teatro attivo, impegnato da anni nel sociale ("FiatO sul Collo", "Storie di Scorie", ecc.) porterà in scena il suo spettacolo “Asso di monnezza”, una denuncia alla gestione malata della spazzatura in Italia, in particolare nel Lazio e in Campania.
Si narra dei traffici illeciti dei rifiuti urbani e soprattutto industriali che attanagliano l'Italia, tanto da concludere che il vero asso nella manica è “quello della monnezza”; ovvero, che l'immondizia smaltita illegalmente offre la principale possibilità di arricchimento, soprattutto alla malavita organizzata.
[per maggiori info cliccate qui]

L’iniziativa inizierà alle ore 17.30, con musica, arte, stand informativi delle associazioni locali; a seguire, cena di sottoscrizione.

Lo spettacolo inizierà alle ore 21.

Non mancate!

Proposta di Legge Regionale sui Rifiuti - Inizia l'iter amministrativo

  
 
In allegato
 
la Proposta di Legge Regionale n. 241 relativa alla raccolta firme per un piano alternativo sui rifiuti nella Regione Lazio. Le firme sono state raccolte nel 2009 e la Regione Lazio "ritenne opportuno" invalidare la gran parte di esse. Oggi vengono riconosciute valide e la documentazione viene inviata in data 3 Agosto 2011 alle commissioni consiliari regionali per le audizioni. La regolamentazione prevede che si affrontino insieme sia le proposte di Giunta che dei Cittadini. Ci auspichiamo che il confronto non sia a senso unico. 

VIDEOTECA VALLE DEL SACCO

Community

                                                 
                                   

         

 

Osservatorio PM10

Emissioni Valle del Sacco

Retuvasa on the web