Home

Buone Letture



 Il futuro Bruciato
Così ci uccidono

La casta dell'acqua
 

Learn to See Like an Artist How level is https://www.levitradosageus24.com/ buy online securely brand viagra a line?

marzo 2015

Colleferro, il processo incenerito


COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO
 
“COLLEFERRO, IL PROCESSO INCENERITO “


Il Tribunale di Velletri si è finora occupato del processo sugli inceneritori di Colleferro, processo che è stato agli onori della cronaca, per l'estrema scientificità delle condotte criminose, oggetto di scrutinio da parte del Tribunale. Risulta dal capo di imputazione che gli imputati hanno bruciato nell'inceneritore rifiuti non consentiti, arrivando, per non far emergere le loro responsabilità, a far falsificare i certificati relativi e a penetrare nel sistema informatico di monitoraggio in continuo, onde non far risultare lo sforamento delle soglie per inquinanti emessi in atmosfera. Ad oggi, la popolazione colleferrina non sa che cosa sia stato bruciato prima del 2008 nell'inceneritore, ma i dati per asma pediatrico e patologie alle vie respiratorie parlano -purtroppo- da soli.
 
Qualunque cittadino si aspetterebbe una gestione scrupolosa di un processo tanto delicato. Purtroppo tale attesa non ha trovato riscontro nei fatti.
 
Il Tribunale di Velletri, dopo quattro anni di processo - tra fase dell'udienza preliminare e fase dibattimentale – ha, accogliendo un'eccezione della difesa degli imputati formulata già in fase di udienza preliminare – dichiarato la propria incompetenza funzionale, essendo per la tipologia di delitti contestati, competente il Tribunale di Roma. Ciò sta a significare che sono stati letteralmente “inceneriti” quattro anni di processo, ed essendo la notizia di reato del 2008, anche questo processo potrebbe essere segnato dalla prescrizione.
 
Non intendiamo entrare nel merito della decisione. Quello che però lascia interdetti è che per giungere a detta decisione, ci sono voluti 3 anni di processo in fase di udienza preliminare e 1 anno di giudizio dibattimentale. Il Tribunale di Velletri si è potuto pronunciare sulle eccezioni preliminari, rispetto alle quali, normalmente, basta un'udienza, dopo una serie svariata di rinvii, pari alla lunghezza di un anno, dovuti ad omesse o inefficaci notifiche.

Un processo di tale delicatezza avrebbe meritato una maggiore attenzione ed efficienza a partire dalle notifiche fino a pervenire allo studio scrupoloso della questione.
 
Le associazioni ambientaliste, parti civili, si augurano di trovare nel Tribunale di Roma una maggiore efficienza e sensibilità ambientale, affinché venga fatta giustizia, come richiesto da tutti i cittadini che si trovano ad affrontare sempre più spesso situazioni analoghe.


Colleferro, 24 marzo 2015
 
F.to
Ass. Raggio Verde 3389213916
Ass. Rete per la tutela della Valle del Sacco (Retuvasa)
Ass. Unione Giovani Indipendenti (UGI)
Comitato Residenti Colleferro
Ass. Mamme Colleferro (A.Ma) 

VIDEOTECA VALLE DEL SACCO

Community

                                                 
                                   

         

 

Osservatorio PM10

Emissioni Valle del Sacco

Retuvasa on the web