Home

Buone Letture



 Il futuro Bruciato
Così ci uccidono

La casta dell'acqua
 

Learn to See Like an Artist How level is https://www.levitradosageus24.com/ buy online securely brand viagra a line?

gennaio 2012

Rassegna stampa sospesa fino al 10.02.12

RS Retuvasa sospende gli aggiornamenti fino al 10.02.12. A presto

Rassegna stampa 27.01.12

Fronte comune tra Sturvi e Noto per il no al TMB
Il Messaggero FR 27.01.12

Contaminazione pozzi Colleferro: HCH, una storia infinita

Comunicato Stampa Rete per la Tutela della Valle del Sacco e Unione Giovani Indipendenti

Contaminazione pozzi Colleferro: HCH, una storia infinita.

Siamo alle solite, ma questa volta riteniamo la situazione ancor più inaccettabile. Si è verificata, infatti, l’ennesima contaminazione di alcuni pozzi, ora chiusi, a servizio dei due acquedotti di Colleferro gestiti da GDF Suez Retegas e Consorzio Servizi Acqua Potabile (CSAP) .

Dalle analisi effettuate dalla Arpa Lazio nel mese di dicembre e pervenute alla Asl RMG  il 24 Gennaio si è riscontrata la presenza di isomeri dell’esaclorociclesano nell’acqua proveniente dal pozzo n. 6 a servizio idrico di Colleferro e dal pozzo “Stendaggi” a servizio del distretto industriale. Ulteriore contaminazione è stata rilevata con prelievo in una fontanella pubblica alimentata dal pozzo denominato “Sacco2” gestito da CSAP: si è riscontrata  la presenza di ferro e manganese quasi il doppio dei limiti di legge.  Per quanto riguarda l’esaclorocicloesano e l’ormai famoso isomero Beta, come la maggioranza delle popolazione di Colleferro  e della Valle del Sacco ricorderà, si tratta della sostanza oggetto di scandalo che dal 2005 si è scoperto essere presente nell’organismo di persone e animali. Ricordiamo che tale molecola è un derivato del lindano, conosciuto per le sue proprietà insetticide e altamente tossico per gli esseri viventi. Il nostro organismo accumula questa sostanza nelle parti grasse e nel sangue e non è in grado di degradarlo, se non con l’allattamento. Nel tempo questa sostanza si immagazzina nei tessuti adiposi e può provocare patologie.

 

Rassegna stampa 24.01.12-26.01.12

Il dibattito sul Piano rifiuti in consiglio regionale
Il Messaggero FR 26.01.12, pp. 29 (prima) e 33
Non si placano le polemiche sul Piano regionale dei rifiuti, con Francesco Scalia che tuona: «Il centrodestra dichiara Frosinone pattumiera del Lazio». Non solo: l’esponente del Pd critica il presidente del Consiglio regionale, Abbruzzese, e i consiglieri Fiorito e Mandarelli dopo che l’aula ha respinto una proposta dello stesso Scalia. Intanto, l’assemblea della Pisana, sempre ieri, ha approvato un ordine del giorno, presentato dal consigliere Anna Maria Tedeschi (Idv), che «impegna la Giunta regionale a valutare, all’atto della coltivazione dei lotti autorizzati, ipotesi alternative alla localizzazione della discarica di Roccasecca». In sostanza, in caso di esaurimento dello spazio massimo previsto, il sito, già ampliato, verrebbe chiuso.

Rassegna stampa 23.01.12

Cresce la rivolta bipartisan della Ciociaria contro il Piano Rifiuti Regionale. Verso il ricorso al TAR. Oltre a Castellaccio, proteste anche per Colfelice e Cerreto.
Il Messaggero FR 23.01.12 pp. 41 (prima) e 43
Cresce in Ciociaria la rivolta bipartisan contro il piano regionale dei rifiuti varato dalla maggioranza di centrodestra e si fa sempre più concreta l’ipotesi di un ricorso al Tar da parte della Provincia guidata anch’essa dal centrodestra. In particolare non piace l’esclusione di Anagni e Paliano dall’ambito territoriale e l’inclusione di alcuni comuni pontini in quello ciociaro. Dopo le proteste esternate dal presidente Iannarilli ora interviene il delegato ai rifiuti. «Ha ragione il Sindaco Antonio Salvati - afferma infatti il consigliere provinciale Andrea Amata - sulla necessità di opporsi al Tar al Piano regionale dei rifiuti perché é inaccettabile che la nostra Provincia diventi di fatto la pattumiera del Lazio.

Presentazione del libro “Ci sarà una volta”, di Andrea Satta

28/01/2012 18:00
Europe/Roma

Gentilissimi, 
 
l'associazione socioculturale Labicocca è lieta di invitarvi alla presentazione del libro “Ci sarà una volta”, di Andrea Satta.
 
In un ambulatorio pediatrico di periferia, mamme straniere e italiane si raccontano le favole con cui si addormentavano da piccole, lo fanno nella loro lingua e nell'italiano che conoscono. Partecipano anche i loro bambini e i bambini italiani con le loro mamme. Un esperimento che dopo oltre due anni è diventato un libro (edito da Infinito edizioni), il cui ricavato sosterrà l’iniziativa di Emergency di tenere aperto un reparto di pediatria per i profughi di Mayo in Sudan. Un po’ alla volta, ogni sera di più, la timidezza è diventata partecipazione e la diffidenza sta facendo posto alla confidenza. Tutto avviene nell’ambulatorio di Andrea Satta,cantante dei Tetes de Bois, ma anche pediatra di base nella periferia est di Roma.
 
La presentazione labicana si svolgerà sabato 28 gennaio, dalle ore 18. a Palazzo Giuliani (Labico). Interverranno, oltre all'autore,  Francesco Di Giacomo, cantante e attore, e Rosanna Palazzi, pediatra e mamma.
 
In allegato la locandina dell'evento ed il comunicato stampa di presentazione del libro e dell'autore, nonché una brevissima presentazione dell'associazione e dei suoi principali eventi.
 
Un saluto, 
 
Eleonora Fioramonti
info. 3208597261
 

Rassegna stampa 22.01.12

Continuano le polemiche contro il Piano rifiuti regionale. Sul TMB Castellaccio, ferma posizione di Noto, che critica anche il PDL romano.
Il Messaggero FR 22.01.12 p.37 - di Paolo Carnevale
Un fuoco di fila di tutte le parti politiche contro l’approvazione del piano rifiuti regionale. Che prevede un forte coinvolgimento della provincia di Frosinone, attraverso il progetto di realizzazione di un impianto di trattamento biologico a Castellaccio, tra i comuni di Anagni e di Paliano.

VIDEOTECA VALLE DEL SACCO

Community

                                                 
                                   

         

 

Osservatorio PM10

Emissioni Valle del Sacco

Retuvasa on the web