Home

Buone Letture



 Il futuro Bruciato
Così ci uccidono

La casta dell'acqua
 

Learn to See Like an Artist How level is https://www.levitradosageus24.com/ buy online securely brand viagra a line?

Colleferro, per il TMB la Regione Lazio annulli la VIA. Lazio Ambiente SPA, società a perdere. Valle del Sacco, cosa c'è da fare dopo la perimetrazione del SIN.

Chi ha paura di ACEA?


Comunicato Stampa Retuvasa

Chi ha paura di ACEA?
Perché da oltre 2 anni non si dà attuazione alla legge regionale sulla gestione dei sistema idrico?

 

I Sindaci dei Comuni di Colleferro, Valmontone, Labico, Artena, Carpineto Romano, Gorga, Gavignano, Segni e Montelanico prendendo atto delle criticità presenti nell’attuale servizio erogato da Acea hanno richiesto un incontro urgente.”

La richiesta del sindaco di Colleferro e di altri sette comuni del circondario di incontrare l’AD di ACEA ATO2 in merito alla qualità del servizio erogato è una iniziativa positiva e necessaria.

Ci preme tuttavia rammentare ai sindaci che è pendente da molti mesi una questione che potrebbe modificare radicalmente i rapporti tra cittadini, amministrazioni e territori con il gestore del Servizio Idrico Integrato, a favore dei primi. Stiamo parlando della legge regionale n.5/2014, Tutela, governo e gestione pubblica delle acque, approvata il 4 aprile 2014. Questa legge, nata dall’iniziativa popolare, fortemente voluta da comitati e associazioni per l’acqua pubblica, all’art. 5 comma1 recita:

Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, la Regione individua con apposita legge gli ambiti di bacino idrografico e, al fine di costituire formalmente le Autorità di detti ambiti, disciplina le forme e i modi della cooperazione fra gli enti locali e le modalità per l’organizzazione e la gestione del servizio idrico integrato, costituito dall’insieme dei servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua, di fognatura e di depurazione delle acque reflue.

A distanza di due anni e mezzo a questo e a ad altri obblighi derivanti dalla legge non si è messo mano, col risultato di fare della legge lettera morta. Riveliamo ai disattenti amministratori ed ai cittadini che la definizione dei nuovi Ambiti di Bacino Idrografico (ABI) -in sostituzione degli attuali ATO (ambiti di bacino ottimale)- produce il decadimento delle attuali gestioni aprendo la strada anche a forme di gestione più dirette da parte degli enti locali. Facciamo nostro il sospetto che proprio questa conseguenza abbia consigliato alla amministrazione regionale di non porre mano ai regolamenti ed alle leggi attuative. Il problema è tutto politico, non vi sono inerzie burocratiche, di cui tanto si discute in queste settimane, a creare impedimenti.

Il coordinamento regionale per l’acqua pubblica, di cui Retuvasa fa parte, ha organizzato molteplici interventi e spedizioni presso la Regione per esigere l’approvazione dei decreti attuativi della legge, ottenendo solo promesse e rinvii di settimana in settimana, di mese in mese. E' quindi ingiustificata e colpevole la disattenzione delle amministrazioni nel merito.

Il testo della legge peraltro apre a spazi di partecipazione e di codecisione da parte dei cittadini e delle amministrazioni, un modello rivendicato da questi stessi soggetti nella nostra valle da lungo tempo.

Per oltre due anni l’ineffabile assessore Refrigeri -eseguendo diligentemente il compito a lui affidato- ha continuato a promettere una proposta della giunta sui nuovi ABI, nel frattempo gli esperti del coordinamento regionale hanno realizzato una proposta di suddivisione del territorio in ABI, seguendo la configurazione dei bacini idrografici e degli acquedotti; questa proposta, fatta propria da alcuni consiglieri regionali, è diventata la proposta di legge 238/2105. Anch’essa è rimasta nel cassetto, nonostante ripetuti incontri non è mai andata in discussione in commissione ambiente, tanto meno in aula: proposta di giunta con cui confrontarsi, non pervenuta.

In tale proposta viene individuato tra i 12 bacini previsti, come bacino a sé stante, il bacino idrografico del fiume Sacco, che va a ridisegnare la ripartizione attuale fondata sui confini amministrativi delle provincie, affermando un principio che in tutti questi anni con sempre più forza e consapevolezza associazioni, comitati ed amministratori cercano di realizzare.

Esplicitiamo la domanda, perché tutta questa inerzia sino ad ora da parte della Regione? Perché questo incomprensibile temporeggiare per la costituzione degli ABI?

Forse perché si ventila da tempo la volontà del governo centrale di costituire un unico grande ABI regionale da dare in gestione all’azienda che in quel momento avrà il maggior numero di utenti a livello regionale? Si parla anche di un progetto di spartizione macroregionale da dare in pasto alle più grandi e pompate multi utility, tra cui Acea S.p.A.

Coerente con questo progetto è il fatto che proprio ACEA abbia acquisito il controllo della società Idrolatina che a sua volta controlla Acqua Latina, gestore del sistema idrico in provincia di Latina, in attesa di acquisire il controllo sulla provincia di Viterbo.

Inoltre, a proposito di servizi, ACEA ha creato un sistema di gestione del servizio idrico -in particolare della manutenzione- che va imponendo a tutte le sue partecipate, in Toscana, Umbria e Campania, con ciò anticipando e preparando il terreno al piano di acquisizione del controllo totale sul sistema idrico in tutte le regioni del centro Italia. Il nuovo sistema garantisce il monopolio di tutte le informazioni sui sistemi idrici, sottraendole a qualsiasi possibilità di controllo da parte delle amministrazioni, rendendo remota ogni possibilità di dialogo diretto tra cittadini e gestore: una ristrutturazione tecnologica ed organizzativa i cui effetti ben conosciamo in altri tipi di servizio.

L’amministrazione della Citta di Roma, azionista di maggioranza di ACEA -nonostante le affermazioni in campagna elettorale- non muove un dito, non alza un sopracciglio e per bocca del suo assessore alle partecipate afferma di non poter intervenire sulla dirigenza di ACEA, affermazione alquanto originale nel campo del diritto societario che regola le SPA.

Molto c’è da dire per illustrare il progetto di ACEA di diventare una piccola multinazionale dell’acqua -e non solo- principale oligopolista sul piano nazionale, e delle sue conseguenze sui cittadini ed i territori. Molto c’è da approfondire sulla legge regionale n. 5/2104 e da fare per la sua applicazione, soprattutto da parte delle amministrazioni comunali.

Nel frattempo, dopo la sentenza della Corte Costituzionale, il governo è stato costretto a ritirare il decreto sui servizi pubblici locali, che aveva l’obiettivo di imporne la privatizzazione. In regione con il DPRL n. T00205 del 12/10/2016 viene affidato l'incarico in materia giuridico-amministrativa al Prof. A. Lucarelli per "l'elaborazione di una proposta di legge che regoli la materia degli ambiti di bacino idrografico e del sistema idrico integrato".

Sarà la volta buona o perderemo altro tempo?

Siamo a disposizione per fornire tutti i chiarimenti alle amministrazioni, che peraltro hanno tutti gli strumenti per informarsi ed agire di conseguenza.

 
Valle del Sacco, 6 dicembre 2016
 

Inceneritori Colleferro, sulla sentenza del TAR del Lazio è necessaria la correttezza dell'informazione.


COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO
 
Sentenza TAR del Lazio su rinnovo AIA inceneritori Colleferro:
la correttezza dell’informazione prima di tutto.

 
 
Leggiamo su alcune testate giornalistiche, più o meno importanti, toni che enfatizzano una presunta sconfitta del Comune di Colleferro e delle associazioni ambientaliste sulla sentenza del Tar del Lazio per il rinnovo dell’Autorizzazione Integrata Ambientale degli inceneritori di Colleferro.

Diciamo che è poco piacevole mettere l’accento con titoli eclatanti, quando un ricorso del genere è funzionale alla salvaguardia dell’ambiente e della salute di una comunità, sembrerebbe quasi come se ci sia un piacere al fatto che un TAR si sia pronunciato in termini reputati -a torto- non favorevoli alle associazioni ambientaliste e ad un Comune che si sta attivando a tutela dell'ambiente e della salute dei suoi cittadini. 

Peraltro tali titoli sono anche fuorvianti, in quanto non è assolutamente vero “che il TAR dice “no” all'annullamento dell'autorizzazione AIA, sconfitti il Comune e le associazioni”.

Ricordiamo che i giornalisti hanno l' ”obbligo inderogabile del rispetto della verità sostanziale dei fatti”, ebbene, allora perché scrivere un tale titolo, quando nella sentenza il TAR non si è minimamente pronunciato in merito all'annullamento dell'autorizzazione AIA?

Una corretta informazione dovrebbe riportare la notizia che il TAR ha deciso di non pronunciarsi in merito all'annullamento del provvedimento, in quanto la Regione Lazio ha aperto un procedimento di riesame dell'autorizzazione, si badi bene, solo dopo la notifica e l'introduzione del processo amministrativo da parte di Comune e associazioni e ha quindi ritenuto che è venuto meno l'interesse all'annullamento di un'autorizzazione che è in ogni caso oggetto di riesame.

Non è inoltre esatto riportare la notizia che la Regione Lazio “estendeva la durata dell'AIA dell'impianto di Colleferro fino al 08.05.2019 in ottemperanza ad una direttiva europea”, in quanto il corretto adempimento della normativa europea avrebbe imposto una istruttoria per appurare se l'AIA era conforme alle norme introdotte medio tempore dalla direttiva, che nella fattispecie non aveva luogo, provvedendo la Regione ad estendere in automatico l'AIA, mentre il Ministero dell'Ambiente aveva raccomandato di effettuare un'istruttoria al fine di valutare se aprire un riesame in alternativa alla estensione di validità dell'AIA.

Il TAR, a torto o a ragione e non è comunque questa la sede per sindacare la correttezza di una sentenza, ha ritenuto che essendo il riesame stato aperto, anche se -furbescamente- dopo l'estensione di validità e la instaurazione del processo, fosse nella sostanza cessata la materia del contendere e ha ritenuto, in considerazione della apertura del riesame, di non dover entrare nella valutazione della correttezza di un'azione amministrativa, che consente l'operatività di un impianto che rilascia nelle falde cromo esavalente, prendendo atto con nota datata 10.01.2016  dell'ottemperanza (dopo ben 7 anni di operatività!) di una prescrizione dell'AIA data nel 2009.

Ma di queste che sono vere notizie, pure riportate nella sentenza, l'articolo non dice nulla.

E noi chiediamo al suo autore di spiegarci i motivi di ciò.

Nell'articolo si domanda quanto sia costato al Comune di Colleferro proporre un ricorso che secondo l'autorevole parere di un giornalista sarebbe stato “perso in partenza” ma che, guarda caso, ha sortito l'effetto della sollecita apertura del procedimento di riesame da parte della Regione Lazio
.
Il giornalista può tranquillamente chiedere all’Amministrazione comunale.

Chiediamo al medesimo giornalista che voglia anche indagare quanti costi all'Erario sta comportando la mancata ottemperanza della Regione Lazio alla sentenza della Corte di Giustizia Europea sulle discariche abusive. Anche questo è un interessante tema di indagine giornalistica indipendente e aspettiamo trepidanti una sua pubblicazione in merito.

In aggiunta a quanto detto finora la sentenza ha riportato che in caso di inosservanza delle prescrizioni autorizzatorie, ulteriore motivazione dei ricorrenti, fermo restando l’applicazione delle sanzioni e delle misure di sicurezza l’autorità competente procede secondo la gravità delle situazioni con a) la diffida, b) la diffida e contestuale sospensione dell’attività, c) la revoca dell’autorizzazione e la chiusura dell’installazione.

Tali indicazioni, già di nostra conoscenza, ci invitano a proseguire il monitoraggio e il funzionamento a norma degli inceneritori e di intervenire in qualsiasi momento qualora ciò non avvenisse.
 
Colleferro, 28.11.2016
F.to:
Circolo Arci “Montefortino 93”
Comitato Residenti Colleferro
Raggio Verde
Retuvasa
Ugi
 

Incontro Pubblico sulla Sorveglianza Epidemiologica, il cittadino deve partecipare, essere informato, conoscere.


Comunicato Stampa Retuvasa
 
Incontro Pubblico sulla Sorveglianza Epidemiologica, il cittadino deve partecipare, essere informato, conoscere.

 
 
L’incontro pubblico promosso da Retuvasa sulla sorveglianza sanitaria nella Valle del Sacco che si è tenuto a Colleferro il 16 novembre scorso ha permesso ai presenti di approfondire un tema caldo e sempre attuale, quello dello stato di salute nel nostro territorio.
 
E’ stata anche l’occasione per cogliere l’importanza delle indagini epidemiologiche svolte sul territorio con il prossimo avvio della nuova gestione del Sito di Interesse Nazionale (SIN) su cui ha riferito con chiarezza il Dott. Eugenio Monaco.

Il nuovo SIN si sviluppa da Colleferro lungo tutta l’asta del fiume Sacco che comprende, assieme alle aree ripariali di esondazione, tutte le aree su cui si è sviluppata l’attività industriale negli scorsi decenni.

La sorveglianza epidemiologica e sanitaria costituisce un elemento irrinunciabile per la pianificazione degli interventi sulle aree inquinate; essa indaga gli effetti prodotti sulla salute umana dall’inquinamento delle matrici ambientali (aria, suolo ed acque profonde e superficiali), prodotto a sua volta dalle attività industriali pregresse e dagli effetti nel presente delle attività industriali, dalle diverse forme di mobilità, in particolare dalle diverse forme di combustione domestica ed industriale.

Ancora una volta è risuonato l’allarme degli esperti che richiedono una estensione ed intensificazione delle indagini epidemiologiche nei confronti delle diverse fasce della popolazione e di tutto il territorio della Valle del Sacco, caratterizzata peraltro per lunghi periodi dell’anno dalla scarsa mobilità degli strati bassi dell’atmosfera che provoca il ristagno degli inquinanti con effetti purtroppo prevedibili e verificabili.

Il principio di precauzione.

Non sono stati evocati orizzonti catastrofici ma i dati offerti dalle relazioni indicano che esistono patologie maggiormente presenti nel nostro comprensorio rispetto al resto della regione. Spesso la ricerca del nesso tra contaminazione da agenti inquinanti e patologie non è facile da determinare, come accade nel caso del Beta-HCH, che ha inquinato il fiume Sacco ed attraverso la catena alimentare ha contaminato in gradi diversi parte della popolazione. Tuttavia ci soccorre il Principio di Precauzione: quando non si possono escludere effetti dannosi per la salute da parte di una determinata sostanza e quando soprattutto vi sono indizi della sua azione patologica assieme a correlazioni statistiche è necessario impedire che le persone entrino in contatto in qualsiasi modo con essa.

L’applicazione rigorosa del principio di precauzione, assieme al rilevamento degli indici di inquinamento e di peggioramento dello stato di salute della popolazione, impone di richiedere l’applicazione rigorosa di una  moratoria, ossia il blocco dell’insediamento di nuovi impianti e fonti inquinanti di ogni tipo assieme alla rimozione di quelli presenti, primi fra tutti gli inceneritori.

Implicita ed a tratti esplicita negli interventi degli esperti sanitari è stata la richiesta di un rafforzamento della struttura sanitaria sul territorio, condizione necessaria per una sorveglianza puntuale ed approfondita. Una buona notizia è l’approvazione della norma regionale per realizzare il registro delle patologie tumorali, mentre la dott.ssa Fantini ci ha rassicurati sulla assenza di inquinamento chimico dell’acqua potabile utilizzata a Colleferro esclusivamente da pozzi presenti nel territorio. Il controllo avviene con frequenza trimestrale e forse andrebbe intensificato.

In sintesi, sorveglianza epidemiologica e sanitaria, gestione e risanamento del SIN costituiscono processi complessi strettamente intrecciati e correlati tra di loro, decisivi per la salute ed il futuro dell’ambiente e della popolazione della valle del Sacco. Tale complessità richiede una mole di risorse, una mobilitazione di competenze ed una capacità organizzativa assolutamente inedite.

Sarà possibile conquistarle e costruirle solo con la mobilitazione capillare e la partecipazione organizzata e consapevole delle popolazioni e delle amministrazioni locali e periferiche.

Per cominciare è necessario superare i localismi, il frazionamento delle iniziative e delle vertenze sui diversi temi.

Si giunge quindi alle note dolenti poiché poco in tal senso è stato fatto nonostante l’impegno di molti in questi anni ed il nostro particolare impegno come associazione di cui rivendichiamo la continuità, l’accuratezza nell’ approfondimento e nella attività di informazione.

Dobbiamo rilevare che all’appassionato confronto sui social network non corrisponde da parte di molti una concreta attività. Non sottovalutiamo le difficoltà quotidiane e personali di ciascuno di noi, tuttavia è necessario staccarsi dalla tastiera e scendere nelle strade, nei cortili, nelle scuole ed in ogni luogo pubblico, aprire un confronto difficile tra generazioni diverse.

Questo si sta cercando di fare in tutta la Valle del Sacco cercando, di unire i diversi movimenti di lotta su rifiuti, servizi pubblici e lavoro.
Certamente garantiremo nei mesi a venire una accurata informazione su ciò di cui stiamo parlando, consapevoli di dover offrire un percorso di formazione, di introduzione alla comprensione di problematiche complesse, fornendo strumenti necessari a districarsi tra le diverse fonti di informazione.

Per chiudere confermiamo la replica dell’incontro pubblico sulla sorveglianza epidemiologica presso il Castello di Patrica, il 13 dicembre dalle ore 17.00, in collaborazione con il Comitato “La Rinascita”.
 
Valle del Sacco, 27 novembre 2016 
 

Clicca qui  per le slide dell’incontro pubblico a Colleferro del 16 Novembre 2016
 

Contratto di Fiume Sacco, avanza positivamente il processo costituente.


Comunicato Stampa
 
Coordinamento Associazioni Valle del Sacco
 
 
Valle del Sacco, 20 novembre 2016
 
Avanza positivamente il processo costituente del Contratto di Fiume per il Sacco
 

 
Continua l’impegno delle associazioni per il processo costituente del Contratto di Fiume, riconosciuto come valido strumento di programmazione territoriale per la riqualificazione e lo sviluppo della Valle del Sacco.
 
Con una nostra comunicazione dello scorso giugno, cinque sindaci del territorio (Anagni, Ceprano, Colleferro, Paliano e Patrica) sono stati invitati a farsi parte attiva per affiancare le associazioni nel processo costituente.
Agli amministratori, allo scopo di favorire una doverosa ed opportuna valutazione, sono stati consegnati i seguenti documenti relativi alle attività effettuate:
 
  1. Definizione e requisiti qualitativi dei Contratti di Fiume
  2. Cronistoria delle attività
  3. Manifesto di intenti “Verso il Contratto di Fiume per il Sacco"
  4. Elenco provvisorio dei soggetti potenzialmente interessati
  5. Elenco progetti Mini Centrali elettriche sul Sacco (in continuo aggiornamento)
 
Il 10 ottobre scorso ad Acuto, si è svolta la periodica riunione del “Tavolo dei Sindaci” che ha visto la partecipazione, oltre che dei Sindaci aderenti al Coordinamento, anche della Regione Lazio nelle persone dell’assessore all’Ambiente, Mauro Buschini, e di Eugenio Monaco, funzionario responsabile del settore “Bonifiche Siti Inquinati, Dismissione Nucleare e Contratti di Fiume”.
In questa occasione, il Sindaco di Anagni, Fausto Bassetta, ha informato i partecipanti della delibera del 6 ottobre con la quale l’amministrazione di Anagni ha approvato la partecipazione del Comune al processo costituente del Contratto di Fiume. Un mese dopo, il 7 novembre, anche l’amministrazione comunale di Ceprano ha deliberato la sua adesione.
Lo stimolo continuo delle associazioni sta determinando, anche se lentamente, un cambio di rotta ed auspichiamo che gli altri Consigli Comunali si pronuncino favorevolmente.
 
Nel merito le associazioni proseguono il loro percorso e intendono condividere nei prossimi giorni con gli altri soggetti attivi sul tema, tutte le fasi di consultazione e informazione con l’obiettivo di giungere nei primi giorni del 2017 alla convocazione dell’ “Assemblea Costitutiva del Contratto di Fiume per il Sacco”.
 
 
per il Coordinamento Associazioni Valle del Sacco:
Comitato Residenti Colleferro
Laboratorio Comune Alta Valle del Sacco
Legambiente Lazio
Pulliano
Retuvasa
 

Incontro Pubblico: SIN Bacino del fiume Sacco, la sorveglianza epidemiologica e le prospettive.


Sito di Interesse Nazionale Bacino del fiume Sacco:
la sorveglianza epidemiologica e le prospettive.
 
Incontro Pubblico
Mercoledì, 16 novembre 2016 – ore 17,00 - Colleferro (Rm)

 

Dall’ultimo rapporto di sorveglianza sanitaria pubblicato lo scorso giugno dal Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale del Lazio - ASL RM1 a cui ha partecipato il Dipartimento di Prevenzione - ASL RM5, sono emersi nuovi preoccupanti elementi di associazione tra la presenza del Beta-esaclorocicloesano (Beta-HCH) nel sangue dei residenti della Valle del Sacco e alcune patologie, in aggiunta ai problemi già descritti in precedenti pubblicazioni.

RETUVASA ha a suo tempo comunicato in estrema sintesi quanto emerso da quest’ultimo rapporto, ma riteniamo possa essere utile un confronto pubblico con gli artefici di questi studi, il dott. Francesco Forastiere, la dott.ssa Daniela Porta, la dott.ssa Silvia Narduzzi, per il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale del Lazio -  ASL RM1, e la dott.ssa Fiorella Fantini per il Dipartimento di Prevenzione - ASL RM5.

Nel frattempo, il 20 ottobre scorso, si è conclusa l’ultima fase partecipata per la perimetrazione del SIN bacino del Fiume Sacco (in cui sono comprese tutte le aree inquinate e contaminate dalle passate attività industriali) nella quale il Ministero dell’Ambiente ha dato risposta alle numerose osservazioni presentate da proprietari di terreni e aziende ricadenti nei nuovi confini del SIN. Il 7 novembre si è svolta la Conferenza di Servizi decisoria con l’approvazione del perimetro da parte del Ministero dell’Ambiente, dello Sviluppo Economico e della regione Lazio.

A spiegare quali sono le prospettive dovute al nuovo assetto e al passaggio di competenze dalla Regione al Ministero sarà il dott. Eugenio Monaco, funzionario responsabile Area Bonifica Siti Inquinati della Regione Lazio.

L’appuntamento è per mercoledì 16 novembre 2016 alle ore 17,00 a Colleferro (Rm) presso l’ex sala Konver, retro ASL, in Via degli Esplosivi.

Per chi non avrà modo di essere presente rendiamo noto che replicheremo l’evento a dicembre in provincia di Frosinone.

Questi due eventi si inquadrano in una successione di incontri coi quali -assieme alla rete delle associazioni della Valle del Sacco-  vogliamo produrre una maggiore informazione dei cittadini, per costruire in modo capillare consapevolezza, partecipazione e mobilitazione sui problemi economici, sociali, ambientali e sanitari del nostro territorio.

Contiamo quindi sulla presenza dei cittadini, delle istituzioni, degli operatori del settore sanitario, in particolare dei medici di base.
 
Valle del Sacco, 8 novembre 2016

VIDEOTECA VALLE DEL SACCO

Community

                                                 
                                   

         

 

Osservatorio PM10

Emissioni Valle del Sacco

Retuvasa on the web